Premio Marzotto, 800 startup innovative in gara

Fonte: vvox.it
matteo-marzotto-auto__1436260392_92.223.199.18

Chiuso il bando per partecipare alla quinta edizione del Premio Gaetano Marzotto, la più importante competizione italiana dedicata al mondo delle startup e dell’innovazione. Matteo Marzotto, presidente dell’Associazione Progetto Marzotto promotrice dell’iniziativa, dichiara: «Siamo molto soddisfatti dell’elevato responding che supera anche per quest’anno le nostre attese.I progetti iscritti da tutta Italia sono stati 804 (578 uomini e 226 donne) con un’età media dei partecipanti di 33 anni. La regione con il più alto numero di adesioni è stata la Lombardia. Si confermano dunque le grandi potenzialità di cui è dotato il nostro Paese» In palio un montepremi di più di un milione di euro: entro il 30 settembre verrà comunicato l’esito della preselezione delle proposte, il 26 novembre la premiazione finale.

«Il Premio Gaetano Marzotto è nato all’insegna della ricerca delle migliori sinergie tra ecosistema dell’innovazione e sistema produttivo. Per migliorare, bisogna continuare ad innovare. Ed è anche per questo motivo che l’edizione 2015 del Premio è dedicata all’open innovation» spiega Marzotto. Le idee proposte devono essere originali, innovative, attuabili e finanziariamente sostenibili. Oltre al Premio per l’Impresa, al Premio dall’idea all’impresa e al Premio Speciale Unicredit Start Lab, la novità di quest’anno sono i Premi Corporate, assegnati da tre gruppi industriali che partecipano al Premio Gaetano Marzotto in qualità di partner: si tratta di Cln Group(automotive, meccanica, energia), gruppo Santex Rimar (tessile, moda, meccanica) e Santa Margherita Gruppo Vinicolo (alimentazione e, agricoltura; architettura, arredamento e design; entertainment e turismo).

«L’alta partecipazione da parte delle realtà innovative italiane, registrata anche quest’anno, ci riempie di orgoglio e conferma l’importanza che nel settore dell´innovazione il Premio Gaetano Marzotto ha consolidato negli anni» conclude Cristiano Seganfreddo, direttore dell’associazione.