Unicredit premia la start up bustocca che “guida” la mano dei chirurghi

premiazione app chirurghi endo sight

Si chiama Endo-Sight ed è una startup di Busto Arsizio che ha ideato un’innovativa applicazione basata sulla Realtà Aumentata, in grado di mostrare ai chirurghi che svolgono interventi oncologici mini-invasivi gli organi e le patologie con altissima precisione, permettendo la navigazione degli strumenti operatori fino al bersaglio. La startup lombarda si è così aggiudicata il primo premio dell’Edizione 2015 di UniCredit Start Lab per il settore Life Science.

Il riconoscimento è stato assegnato dalla Commissione Life Science, riunitasi all’UniCredit Tower di Milano, che ha esaminato le idee progettuali e la sostenibilità dei modelli di business delle 11 startup finaliste (oltre 900 le startup ad alto contenuto tecnologico che hanno partecipato all’edizione 2015 di UniCredit Start Lab, la piattaforma di UniCredit a sostegno di startup innovative nei settori Life Science, Clean Tech, Digital, Innovative Made in Italy).

Grazie al premio assegnato da UniCredit la startup Endo-Sight avrà a disposizione 12 mesi di accelerazione con UniCredit Start Lab, l’accesso a un programma di mentorship, la partecipazione alla Startup Academy e l’assegnazione di un gestore UniCredit; inoltre, potrà essere selezionata per presentarsi davanti business angel e fondi di venture capital e per partecipare a iniziative con i clienti Corporate di UniCredit. Infine, riceverà un grant in denaro da 10.000 euro.

Seconda classificata per il settore Life Science di UniCredit Start Lab 2015 è stata la startup trentina Horus che prevede un innovativo dispositivo assistenziale in grado di aiutare persone cieche e ipovedenti nello svolgimento di attività quotidiane. Al terzo posto invece IVTech: the next generation of in-vitro testing tools, una startup toscana che sviluppa e commercializza sistemi innovativi per la ricerca biologica in-vitro. La Commissione ha deciso infine di attribuire due menzioni speciali alle startup G.E.C.O. di Napoli e Loren Medical Devices di Palermo.