Startup, l’Europa investe 200 milioni nell’economia smart & digital

La Commissione europea accelera sulla digital economy nei Paesi membri dell’Unione e annuncia un nuovo programma di investimenti per le startup e le piccole e medie imprese (Pmi). Grazie a quattro fondi azionari di Italia, Paesi Bassi, Spagna e Francia, sono stati mobilitati subito 90 milioni di euro dal Fondo europeo per gli investimenti (FEI), con le garanzie dei programmi COSME e Innovfin Horizon 2020 della Commissione Ue.

Gli accordi raggiunti tra gli equity funds e la Commissione permetteranno di investire nuove risorse finanziarie sulle imprese più innovative e la digital & smart economy in generale. Secondo una nota stampa della Commissione, mobilitando altri investitori, si raggiungerà un investimento complessivo di oltre 200 milioni di euro.

I finanziamenti europei, ha spiegato il vice presidente della Commissione europea Jyrki Katainen, responsabile per Occupazione, crescita, investimenti e competitività, “contribuiranno a promuovere imprese ad alto potenziale attive in diversi settori, come le tecnologie pulite, il miglioramento di strumenti medici, le tecnologie dell’informazione per la diagnostica e i servizi sanitari, e l’economia digitale”.

Solo dall’Olanda il SET Fund II investirà 50 milioni di euro di ventur capital in startup e pmi dell’economia digitale, delle tecnologie pulite e della smart energy. Il fondo spagnolo Bullnet Capital III SCR punterà invece 40 milioni di dollari sulle imprese innovative dell’ICT.

Per l’Italia il fondo in questione è Panakès Fund I, che per i prossimi cinque anni finanzierà progetti nell’ambito delle tecnologie mediche di nuove generazione (ehealth, telemedicina).