La Commissione adotta due nuovi strumenti finanziari “standardizzati”

La Commissione europea ha adottato due nuovi strumenti finanziari “standardizzati”, ossia “pronti all’uso”, per gli investimenti dei fondi SIE. Lo scopo è agevolare l’accesso ai finanziamenti per le giovani imprese e i promotori di progetti di sviluppo urbano.

Nell’ambito della programmazione 2014-2020 la Commissione incoraggia gli Stati membri a raddoppiare gli investimenti a titolo dei fondi strutturali e d’investimento europei (fondi SIE) attraverso strumenti finanziari quali prestiti, capitale proprio e garanzie, in linea con gli obiettivi del piano di investimenti.

Già conformi al regolamento dei fondi SIE e alle norme sugli aiuti di Stato, gli strumenti finanziari “standardizzati” sono destinati a incrementare il ricorso da parte degli Stati membri al sostegno finanziario rotativo anziché alle sovvenzioni tradizionali, e a combinare risorse pubbliche e private.

In sintesi:

  • Uno strumento di coinvestimento, per finanziare start-up e PMI che, grazie a questo sostegno, saranno in grado di sviluppare i loro modelli aziendali e attrarre finanziamenti aggiuntivi tramite un organismo di investimento collettivo. Combinando risorse pubbliche e private, l’investimento totale può ammontare fino a 15 milioni di euro per ciascuna PMI. Nel periodo 2007-2013 nella regione francese Languedoc-Roussillon SAS JEREMIE è stato un esempio di siffatto strumento di coinvestimento che si avvale del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) per attirare il capitale privato e investire nelle PMI ad elevata tecnologia della regione.
  • I Fondi per lo sviluppo urbano, finalizzati al finanziamento di progetti urbani sostenibili in ambiti quali, ad esempio, il trasporto pubblico, l’efficienza energetica o la riqualificazione degli spazi urbani. I progetti devono essere finanziariamente validi e rientrare in una strategia di sviluppo urbano sostenibile integrato. Combinando risorse pubbliche e private, l’investimento totale può ammontare fino a 20 milioni di euro per progetto. Il sostegno assumerà la forma di un fondo di credito gestito da un intermediario finanziario con risorse dei fondi SIE e un contributo di almeno il 30% proveniente da capitali privati. Un Fondo per lo sviluppo urbano di questo tipo è stato sviluppato a Pomorskie, in Polonia, nel periodo 2007-2013.

Linkhttp://ec.europa.eu/regional_policy/en/funding/financial-instruments/

Fonte:http://newsletter.lazioinnova.it/nl_news.asp?id=9176&title=la_commissione_adotta_due_nuovi_strumenti_finanziari_standardizzati